neoneiga banner

neo(N)ews

Takeshis’ di Kitano Takeshi

lcs, 3 Set 2005 @ 13:17

Il film giapponese in concorso c’era, solo che era una sorpresa.
L’ultimo film di Kitano Takeshi è stato inserito all’ultimo, nell’incertezza che non fosse pronto in temp: gli improbabili orari delle proiezioni lo dimostrano.
Cosa si può dire di questo film, visto alle 9 del mattino con il peso delle poche ore di sonno sulle spalle? Che bisognerebbe vederlo almeno due volte, una per ogni Takeshi. Sì, perchè in questo film Kitano ci mette molto più di tutto se stesso e si fa letteralemente in due e forse in molti di più. In Takeshis’ c’è davvero tutto il suo unverso, interiore ed esteriore: c’è persino un personaggio africano che sembra utile solo a ricordare che ultimemente Kitano è stato anche in Africa (le foto di quel viaggio le potete vedere sul numero 500 dei Cahiers), c’è il clown triste, c’è l’Asakusa Kid che voleva sfondare nel mondo dello spettacolo; c’è la comicità dei manzai e ci sono gli yakuza, che fanno ancora più ridere e ovviamente c’è la spiaggia, dove muoiono tutti infinite volte.
Insomma in questo film ci sono tutte le ossessioni, i sogni e gli incubi di questa macchina spettacolare che è Kitano Takeshi, in grado di essere scrittore, attore, regista e conduttore televisivo 9 volte a settimana.
Alla fine del film si ha la sensazione che forse il primo spettatore a stancarsi di così tanto Takeshi sarà proprio Takeshi.

Leave a Reply

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <code> <em> <i> <strike> <strong>

Top | Home Page

mini logo | | Licenza Creative Commons


Sito ottimizzato per IE5.5+, Netscape 7+, Opera 7+, Mozilla 1.0+, Safari 1.1+ | risoluzione consigliata 1024x768